Scuole Manzoni

“PIU’ CENTO”, anche a Bologna la presentazione della collana di volumi sulla storia della gloriosa azienda aeronautica Siai-Marchetti

Appuntamento imperdibile per gli appassionati di aeronautica. Giovedì 30 marzo 2017 alle ore 18, l’aula magna dell’Istituto Tecnico Aeronautico dei Trasporti e della Logistica “A. Manzoni”, in via Scipione dal Ferro 10/2 a Bologna, ospita “Più Cento”, la presentazione della collana di volumi dedicata alla storia della gloriosa azienda aeronautica italiana SIAI-Marchetti. Interverranno gli autori Massimo Dominelli e Luciano Pontolillo.

Perché il titolo “Più Cento”? Nel 1934 volava per la prima volta il prototipo di un velivolo destinato a diventare leggendario, simbolo dell’Aviazione italiana e della sua supremazia mondiale. La sua sigla era “S.79”, il progettista era l’ingegnere Alessandro Marchetti. In un’epoca in cui i caccia, costante punto di riferimento del progresso aeronautico, raggiungevano a fatica i 200 Km/h, i tre motori Alfa Romeo di questo elegante velivolo lo spingevano agevolmente ad una velocità di oltre 100 Km/h in più. Nei primi anni della sua carriera l’S.79 conquistò primati, vinse competizioni aeronautiche, attraversò l’oceano Atlantico infrangendo tutte le barriere e i limiti dei suoi predecessori. Un’altra particolarità lo distingueva: la possibilità di incrementare ulteriormente, al decollo o in caso di necessità, la spinta dei motori.

Questa era la SIAI Marchetti, sempre avanti, sempre al massimo. Azienda nata nel 1915 a Sesto Calende (VA). Oggi ricordare gli aerei e le imprese degli uomini che li hanno pilotati dovunque nel mondo non è solo un esercizio per non dimenticare ma, soprattutto, è un tributo a coloro che hanno creduto in un sogno. Quel sogno che ogni giorno ci permette di volare in ogni parte del mondo.

Nel corso del convegno ci sarà spazio anche per l’esperienza e la passione di Paolo Zecchini, pilota bolognese e uno dei protagonisti nel 2001 dell’avventuroso raid Roma-Tokyo con 2 aeromobili SIAI Marchetti S.205.

 

 Stampa  Email

Pubblicato il 1° Bilancio Sociale delle Scuole Manzoni

Le Scuole Manzoni hanno redatto il 1° Bilancio Sociale della loro storia. Ma cos'è il bilancio sociale? Il bilancio sociale è un documento con il quale un'organizzazione, che sia un'impresa o un ente pubblico o un'associazione, comunica periodicamente in modo volontario gli esiti della sua attività.

I contenuti non si limitano ai soli aspetti finanziari e contabili, ma vanno ad analizzare tutto il lavoro svolto in un anno dalla scuola e quale impatto ha su chi partecipa, a vario titolo, alle sue attività, in particolare sugli studenti e sulle loro famiglie, oltre che sull'ambiente circostante.

Per la responsabilità sociale insita nella missione di un istituto scolastico, il bilancio sociale assume grande importanza anche come strumento di verifica dei risultati raggiunti.

Leggi il 1° Bilancio Sociale delle Scuole Manzoni http://www.scuolemanzoni.it/images/bilanciomanzoni.pdf

 Stampa  Email

Damiano Tolomelli e Armando Gasiani alle Scuole Manzoni

Mattina di Martedì 31 gennaio densa di appuntamenti alle Scuole Manzoni.

Il comandante pilota Damiano Tolomelli, ex studente delle Scuole Manzoni, incontrerà in aula i ragazzi della 3^, 4^ e 5^ Istituto Aeronautico. Per capire chi è Damiano Tolomelli vi invitiamo a vedere l'intervista del 2015 a Il Resto del Carlino.

In auditorium, il partigiano Armando Gasiani, classe 1927 e sopravvissuto ai lager, incontrerà gli studenti. Ecco una sua bella intervista a Gasiani tratta da Il Fatto Quotidiano

 

 Stampa  Email

Scuole Manzoni Partner di "I Violini Tornano"

Le Scuole Manzoni sono Partner dell'evento "I Violini Tornano" di venerdì 9 dicembre al Teatro Manzoni di Bologna per ricordare Fiorenza Rosi, straordinaria interprete del metodo Suzuki e grande Maestra della Musica ai Bambini, scomparsa a settembre, a soli 57 anni. Fiorenza ha insegnato a suonare il violino a centinaia di piccoli allievi del CEMI, Centro di Educazione Musicale Infantile, la scuola che lei ha fondato nel 1990 con lo scopo di educare i bambini attraverso lo studio di uno strumento musicale.

Per l'occasione si riuniranno a suonare gli ex-allievi e i colleghi musicisti dalla Scala di Milano, dalla Fenice di Venezia, dal Comunale di Bologna, dalla Toscanini di Parma, dal Mozarteum di Salisburgo, dalla Royal Academy di Londra, dalla Hochschule fur Musik di Hannover, dai quartetti Nous e Fauves, dalle Accademie e dai Conservatori italiani.

 

 Stampa  Email

Altri articoli...